Stampa

6° GIORNATA: Guelfo Basket - Pall. Castenaso 67-65

Guelfo-Castenaso 67-65
 
 
COME VINCERE FACILE DI 2...
 
Guelfo Basket: Bernabini, Lucchi 4, Pieri 4, Ventura ne, Baccarini 7, Caprara 14, Minghetti ne, Venturoli 7, Paluan 9, Casagrande 18, Miceli 4, Ginevri ne.  All. Serio
 
Pall. Castenaso: Magnani 12, Martelli, Paolucci ne, Caprara ne, Montanari ne, Masini ne, Truzzi 12, Barbieri 6, Stanghellini ne, Guazzaloca 14, Parenti 2, Trombetti 19.  All. Castelli
 
Arbitri: Sig.i D'Angelo e Bello
 
Parziali: 25-19;  40-33;  48-49;  67-65
 
 
​39 minuti 55 secondi e 2 decimi dove è successo di tutto, ma che non conta niente. Ma andiamo con ordine.
Un Guelfo che nei primi 20 minuti comanda il match con un attacco che gira e segna con continuità soprattutto dall'arco dei 3 punti, anche se alcune disattenzioni difensive fanno sì che Castenaso rimanga in scia.
Dopo la pausa lunga i padroni di casa continuano a macinare bel gioco e a prendere buoni tiri da liberi, ma le percentuali rispetto al primo tempo calano drasticamente. Castenaso invece comincia a sfruttare la maggiore fisicità sotto canestro e a 1 minuto dalla fine del 3º quarto, mette la testa avanti per la prima volta​ con un canestro di Truzzi​ (48-49).
Nell'ultimo periodo si segna molto poco e quando prima Truzzi​ (ancora lui, ottima la sua partita)​ e poi Guazzaloca segnano dalla lunga a 2 min e 30" dalla fine il 55-61, dagli spalti si inizia a sentire "è finita". Anche perché il Guelfo non segna più nemmeno a cronometro fermo coi normalmente freddi Paluan e Caprara​: nel solo ultimo quarto i guelfesi sbagliano 10 liberi​. A scuotere la situazione è Pieri che dopo aver rubato palla a Magnani, scappa in contropiede e subisce fallo antisportivo. Poi mette anche una tripla... Si arriva così sul 65 pari dopo quei 39'55" e 8 decimi.
 
Un lunghissimo antipasto che non ha fatto altro che ingolosire per prepararci al possesso decisivo. Tutto quello che vi sto per descrivere sembra impossibile ma è successo in 4.8"​​. Lucchi effettua la rimessa dal fondo in zona d'attacco. Trova Casagrande che immediatamente raddoppiato la ripassa a Lucchi che tira. Il tiro è corto e sta per uscire dalla linea di fondo. Sarebbero supplementari se lì non ci fosse ancora Lucchi che da dietro al tabellone raccoglie il pallone e ​al volo ​tira nuovamente. La palla lascia la mano del play guelfese con 0.3" sul tabellone e subito dopo suona la sirena. La palla continua a salire e si adagia morbida sul tabellone. Ora i telecronisti Sky chiamerebbero in causa gli Dei del Basket, e forse questa è la prova che esistono: la palla ruzzola letteralmente sui 5cm di spessore del tabellone, lenta come negli spot allo slow-motion della NBA, prima di decidere di scendere dalla parte anteriore facendo il più clamoroso dei ciufff che il PalaMarchetti abbia visto. L'arbitro convalida e Lucchi per una notte è il nuovo re di Castel Guelfo...
 
Prossimo appuntamento: Sabato 14 Ottobre alle 18.30 il Guelfo sarà ospite degli Stars.