Mese: Ottobre 2019

VITTORIA DEL GUELFO AL CARDIOPALMA

Virtus Spes Imola vs Guelfo Basket ProSic 91-95
Parziali: 22-12, 45-38, 61-64

Virtus IMOLA: Barattini 29, Dalpozzo 11, Biandolino 6, Spampinato 15, Begic 15, Marcone 0, Agatensi 15.

Allenatore: Regazzi Marco   Vice allenatore Zotti Andrea

Guelfo Basket: Wiltshire 6, Bernabini0, Bonazzi 4, Murati 13, Bergami 9, Musolesi 17, Pieri 13, Govi 11, Pederzini 9, Amoni 13.

Allenatore: Pavarelli Mirco   Vice allenatori: Cavicchioli Marco, Paggetti Alessandro

Contro la Virtus rientrano in campo da titolari sia Govi che Pederzini. Completano il quintetto Musolesi, Wiltshire e Pieri che mette a segno una bella tripla portando il Guelfo ad un iniziale vantaggio per 2-5. Poi arrivano errori di troppo, due tiri liberi sbagliati e la Virtus passa in vantaggio per 8-7 che diventano poi addirittura 20-7. Troppi errori nei rimbalzi e al tiro penalizzano i giallo-blu che chiudono il parziale sotto di 10 punti. Dal canto loro i giallo neri invece riescono a mettere a segno diversi tiri da 3 e, sotto canestro, sono loro ad avere la meglio.

Il Guelfo riparte nel secondo tempo con un ottimo tiro da tre di “Muso” e si rifà sotto arrivando 26-22 ma, una tripla di Amoni sbagliata ed una bomba per la Virtus che entra, e così, i padroni di casa, ripartono in quarta portandosi in vantaggio per 37-26. Ogni volta che il Guelfo si fa sotto, arriva un fallo di troppo o un tiro sbagliato e così, anche il secondo quarto, viene conquistato dalla Virtus.

Dopo la pausa, il Guelfo ci riprova, e questa volta è davvero determinato. Il tifo si fa sentire incitando i padroni di casa ma i ragazzi di Cavicchioli non perdono la concentrazione e riescono ad approfittare di un calo dei giallo neri.  provvidenziali alcune palle da 3 infilate dal Guelfo Basket che così chiude il terzo quarto in vantaggio per 61-64.

Ultimo parziale da cardiopalma. Tanti i falli fischiati durante il corso dell’incontro ma in questo frangente hanno pesato molto. I giallo blu sono stati più incisivi sia in difesa che sotto canestro e sopratutto hanno sbagliato molto poco ai tiri liberi . E’stata vittoria frutto di un lavoro di squadra, in cui ogni elemento ha dato il suo meglio. Ma quando orami sembrava fatta gli imolesi da 77-81  riescono a rimontare 82-87 e poi addirittura 88-87. Il nervosismo penalizza i padroni di casa e, l’esperienza invece di Amoni fa il resto, riuscendo all’ultimo secondo a siglare la vittoria per 91-95.

IL GUELFO DOMENICA IN TRASFERTA AL PALARUGGI

Il Guelfo Basket ProSic, nella terza giornata di campionato, vuole tentare di strappare, sul loro parquet, due punti preziosi ai cugini imolesi della Virtus Intech Imola. L’incontro che si svolgerà domenica 13 ottobre, alle ore 18.00 al Palaruggi, si presenta come un derby dalle profonde vibrazioni. Entrambe le formazioni arrivano da due sconfitte, quindi, per tutte e due le squadra le motivazioni per mettere a segno la prima vittoria sono molto forti. Sul versante guelfese rientreranno due pedine importanti quale Emanuele Pederzini e Filippo Govi. Ancora fuori invece capitan Baccarini. “In settimana- ci spiega coach Cavicchioli – abbiamo affrontato un’amichevole con il Ferrara Basket, nostra avversaria in questo campionato e devo dire che ho visto un bel gruppo. Stiamo facendo progressi ma non siamo ancora nella nostra massima forma. Sicuramente domenica faremo del tutto per portarci a casa il risultato”.

IL GUELFO BEFFATO DA MEDICINA

Guelfo Basket – ProSic Progetto Sicurezza – Virtus Medicina 55-59

Parziali (15-16, 33-30, 39-46)

 

Guelfo Basket: Pieri 4, bernabini2, Wiltshire 7, Musolesi 27, Amoni 7, Pederzini 4, Murati2, Bergami 2, Baccarini 0, Bonazzi 0. Allenatore Cavicchioli

Virtus Medicina: Galassi7, Curione 2, Poluzzi 3, Dall’Osso 1, Polverelli 13, Casagrande 7, Allodi 9, Lorenzini1, Casadei 16. Allenatore Curti

Tanta la tensione in campo per questo derby molto sentito. Nella prima frazione di gioco le due squadre sono partite a fatica. Entrambe hanno cercato di prendere le misure l’una dell’altra commettendo però, molti errori, a scapito di punti e agonismo. Nel secondo parziale, il Guelfo ha tenuto meglio il campo approfittando di qualche errore di troppo della Virtus ma, è poi nel terzo quarto che i padroni di casa perdono terreno e anche lucidità. La Virtus riesce ad imporre i propri ritmi e sotto canestro sbaglia poco. Troppi i falli del Guelfo che viene penalizzato da una difesa degli avversari molto serrata. La svolta nell’ultima frazione di gioco per il Guelfo sembra arrivare dall’entrata in campo del capitano Baccarini, la grinta del capitano riesce a smuovere i giallo blu che recuperano in breve ben 10 punti e, per un attimo, i tifosi hanno anche creduto possibile che si potesse vincere. Ma il capitano torna in panchina a causa della sua caviglia destra ancora dolorante e, il nervosismo, sullo scadere del parziale fa il resto.  Buona la prestazione di Musolesi ma è l’unico guelfese in doppia cifra mentre tra le fila della Virtus a distinguersi Polverelli e Casadei.

GUELFO VS VIRTUS MEDICINA: IL PRIMO DERBY

Per tutti gli appassionati di basket domani sera, 4 ottobre ore 21.00, l’appuntamento da non mancare è al Palamarchetti: andrà in scena, per il Guelfo, il primo importante derby della stagione. Gli ospiti di questo incontro casalingo sono i giallo neri della Virtus Medicina. “Senza dubbio Medicina nonostante sia una neo promossa ha cercato di costruire durante l’estate una squadra alquanto competitiva – ci conferma il D.S. Marco Caprara – Lo dimostra il fatto che nella loro partita d’esordio contro una delle favorite, il Fiorenzuola, pur perdendo, non hanno certo sfigurato.” 

“Noi dal canto nostro – prosegue Caprara – ci teniamo a fare una bella gara di fronte al nostro pubblico e cercheremo di dare il meglio ma, non nascondo che il nostro gruppo ancora non è arrivato ad un punto ottimale di preparazione. Purtroppo gli infortuni di alcuni elementi importanti quali Baccarini, Pederzini e Govi ci stanno penalizzando. Inoltre, anche noi abbiamo un organico per gran parte nuovo, allenatore compreso e questo comporta un periodo di affinamento dell’intesa tra i giocatori stessi ma anche con il nuovo coach”.